Mogno church | Mario Botta: the mountain guardian

Sempre più convinta che la spiritualità, non necessariamente religiosa, si possa ritrovare solo fuori dalla città.

A Mogno, in Svizzera, l’Architetto Mario Botta dà vita ad un luogo in cui la forma, la materialità, la geometria, il paesaggio conferiscono un alto senso di misticità.

More and more convinced that spirituality, not necessarily religious, can be found only outside the city.

In Mogno, Switzerland, the Architect Mario Botta gives life to a place where the shape, the material, the geometry, the landscape confer a high sense of mysticism.

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

La costruzione si immerge completamente all’interno del paesaggio alpino, in un ambiente che è stato completamente raso al suolo da una valanga che distrusse parte del villaggio e la vecchia chiesa seicentesca. Questa, come ogni violenta manifestazione della natura, porta ad un rinnovamento, ad uno sforzo teso sia al ricordo che all’innovazione.

Chiaro è l’orientamento dell’edificio che volge lo sguardo alla montagna, quasi sfidandola,  e va scemando laddove è posto l’ingesso; completamente ermetico verso l’esterno, si apre solo verso la volta celeste, dilatando lo spazio interno mediante un grande taglio ellittico che permette l’ingresso di una luce zenitale che inonda costantemente lo spazio.

The building is completely immersed in the alpine landscape, in an environment that was completely destroyed by an avalanche that destroyed part of the village and the old seventeenth-century church. This, like any violent manifestation of nature, leads to a renewal, to an effort which wants to remember and to innovate. 

The building is clearly oriented to the mountain, almost daring it, and it lowers at the entrance ; fully sealed to the outside, it only opens to the sky, expanding the interior space through a large elliptical cut that allows the entry of an overhead light that constantly floods the space.

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Immediatamente riconoscibile e identificabile dalla trama bianco e nera che lo avvolge a mostrare l’azione sedimentatrice tipica della montagna, la massa muraria è scandita da moduli in granito provenienti dalle cave locali: granito nero di Riveo e marmo bianco di Peccia; la montagna ha distrutto ma questa stessa ha donato i materiali per la costruzione della nuova chiesa.

Instantly recognizable and identifiable by the black and white texture that surrounds it to show the typical sedimentatrice action of the mountain; the building mass is marked by modules of granite from local quarries: black Riveo granite and white Peccia marble; the mountain has destroyed but this itself has donated materials for the construction of the new church.

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

L’allestimento interno è molto essenziale, vi sono due piccole file di sedute lignee che staccano nettamente con la cromia marcata dell’involucro, un geometrico piano di marmo bianco che funge da altare e pochi altri elementi quasi impercettibili all’interno della scena.

L’occhio rimane attratto da questo ipnotico abside che con i suoi dodici archi scanditi da un effetto scacchiera sembra condurre verso quel varco buio oltre l’altare, quasi come fosse la tana del bianconiglio.

The interior is very essential, there are two small wooden rows of seats that starkly break off with the chroma marked envelope, a geometric plane of white marble that serves as the altar and a few other elements almost imperceptible in the scene.

The eye is drawn to this hypnotic apse with its twelve arches divided by a checkerboard effect that seems to lead toward that dark passage over the altar, almost like the white rabbit hole.

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Infine grande attenzione è stata prestata allo spazio esterno mediante la realizzazione di una semplice piazzetta nettamente scandita da un ritmo geometrico che accompagna all’ingresso della chiesa, protetto da una cavea in pietra che crea una sorta di anticamera, come uno spazio di preparazione che precede all’accesso dello spazio sacro vero e proprio.

Lastly, great attention has been paid to the external space through the creation of a simple square which is clearly divided by a geometrical rhythm that accompanies the entrance of the church, protected by a stone cavea which creates a sort of antechamber, as a space of preparation that precedes the access to the sacred space.

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Mario Botta - Mogno - chiesa s giovanni battista - arkitalker

Consiglio la visione delle immagini riportate sul sito dell’architetto Giovanni Luigi Dazio, le quali riescono a trasmettere il carattere di questo luogo molto più delle mie.

I recommend viewing the images posted on the website of the architect Giovanni Luigi duty, which are able to convey the character of this place much more than mine.

http://www.gld-dazio.ch/it/aspetti-culturali-chiesa-mogno/chiesa-di-mogno

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: